Ricerca per settori

Patologie



Ricerca per Marchi

ACNE

L'acne è una patologia della pelle che colpisce prevalentemente i giovani tra i 15 e i 18 anni.

Si tratta di un'infiammazione capace di provocare pustole, cisti e punti neri sulla cute, a volte associati a bruciore e prurito. Questi inestetismi cutanei si posizionano esattamente sopra i follicoli, chiamati pilosebacei, scatenando vistose eruzioni arrossate e purulente. La malattia può essere combattuta efficacemente soprattutto ai primi stadi: scopriamo come riconoscerla e curarla.

Cosa è l'acne

Si tratta di un'infiammazione cronica che colpisce la pelle, a livello del follicolo pilifero. Si manifesta attraverso pustole, punti neri o bianchi ed altri inestetismi che si diffondono principalmente su viso, torace e tronco.

Questa malattia è tra le più frequenti e colpisce soprattutto le persone tra i 15 e i 18 anni. Nel nostro Paese, l'acne si manifesta nel 40% degli adolescenti, con leggera prevalenza nelle ragazze.

Riconoscerla è abbastanza facile. Come si manifesta?

Ecco i segnali da prendere in considerazione:

  • La pelle diventa particolarmente grassa e unta, a causa di un'elevata attività delle ghiandole sebacee, che aumentano la produzione di sebo.

  • Compare una grossa quantità di comedoni (punti neri o bianchi) di diverso tipo:

  1. comedoni aperti, detti anche punti neri.

  2. comedoni chiusi o punti bianchi

  3. macrocomedoni

  4. microcomedoni

  • Infine, ad uno stadio avanzato, la patologia provoca vistose eruzioni cutanee, cioè brufoli infiammati e purulenti che possono trasformarsi in cisti.

Questo problema di salute spesso viene sottovalutato, ma ciò non aiuta affatto, poiché senza una terapia adeguata diverrà più difficile gestirlo. Infatti, l'acne è una vera e propria malattia della pelle che deve essere diagnosticata immediatamente e trattata in modo tempestivo, per assicurare una guarigione veloce e definitiva.

Acne in viso

Non esiste una cura univoca, ma è necessario affiancare la cura ad una consulenza medica dermatologica che prenda in considerazione ogni dettaglio del paziente: dal tipo di pelle e la carnagione, fino all'alimentazione e lo stile di vita.

Per operare in modo efficace è necessario risalire alle cause dell'acne. Vediamo insieme quali sono quelle più diffuse.

Cause

Un ruolo importante è svolto dall'occlusione del dotto pilifero causata dal sebo, cioè una sostanza oleosa secreta dalle ghiandole della pelle, che fuoriesce attraverso i canali piliferi. Se viene prodotto in quantità eccessive, può intasare il dotto, impedendo alla pelle di traspirare e depurarsi. Questo fenomeno è chiamato ipercheratinizzazione.

A peggiorare ulteriormente la situazione interviene il Propionibacterium acnes. In condizioni normali, questo batterio è presente nelle ghiandole sebacee e il suo ruolo è quello di idratare e proteggere la pelle. Tuttavia, quando viene prodotto in grosse quantità diventa tossico e stimola l'insorgenza dell'acne.

L'ipercheratinizzazione avviene soprattutto nel periodo adolescenziale, quando le ghiandole producono grandi quantità di ormoni, che nella donna, sono prodotti dallo stroma ovarico e dalla teca; mentre nell'uomo nascono dai testicoli e dalle ghiandole surrenali. La loro produzione, quando è eccessiva, ha delle conseguenze sulla secrezione del sebo e quindi sull'acne.

Insomma, la sostanza oleosa è fondamentale per la nostra pelle: vediamo qual è il suo ruolo nell'insorgenza della patologia acneica.

Il ruolo del sebo

Come abbiamo accennato, il sebo è un componente fondamentale della cute: permette alla pelle di non disidratarsi e la protegge da fattori esterni, che potrebbero danneggiarla.

Tuttavia, una produzione eccessiva potrebbe causare diverse patologie della pelle: dall'acne, alla seborrea, fino alla forfora

Analizziamo la situazione nel dettaglio.

L'epidermide è composta da uno strato di cellule, chiamate sebociti che si occupano di sintetizzare i lipidi di cui è formato il sebo. Durante la fase finale della sintesi, i sebociti rilasciano la sostanza oleosa, che verrà poi verrà spinta verso il follicolo e da lì potrà fuoriuscire sulla superficie della pelle.

Il sebo è fatto di diverse sostanze: trigliceridi, acidi grassi, colesterolo, cere esterificate, squalene.

In normali quantità contribuisce a tenere in salute la pelle: oltre a proteggerla da fattori esterni, contribuisce alla fotoprotezione dai raggi UVB e previene l'invecchiamento cellulare. Inoltre, i lipidi presenti nelle ghiandole sebacee hanno delle proprietà volte a combattere infiammazioni, perché l'acido oleico presente al loro interno ha un effetto antibatterico.

I problemi sorgono quanto la quantità di sebo aumenta a causa degli sbalzi ormonali, diffusi in adolescenza. Durante l'età giovanile, il sebo cambia anche la sua composizione, in particolare si verifica uno squilibrio tra le sostanze antiossidanti e quelle che invece stimolano l'invecchiamento cutaneo. La proprietà antibatterica del sebo viene meno, ciò danneggia le cellule della pelle.

Il rapporto tra le alterazioni del sebo e l'insorgenza dell'acne è uno dei temi centrali della dermatologia odierna: gli studi su questa correlazione sono in continuo aggiornamento.

Cura

Curare l'acne quando è ancora ai primi stadi permette di guarire velocemente, senza avere fastidiose cicatrici sulla pelle. Dopo il successo della terapia è necessario seguire diverse precauzioni per prevenire il ritorno dell'infiammazione.

Il primo passo deve sicuramente essere fatto dal paziente che deve riconoscere i segni della malattia sul proprio viso. In seguito, è necessario affidarsi ad un dermatologo che può proporre una terapia farmacologica, associata a prodotti di dermocosmesi e alcuni suggerimenti sull'alimentazione e lo stile di vita.

La terapia viene somministrata in accordo con le linee guida internazionali, ma poi deve essere personalizzata in base alle esigenze e caratteristiche del paziente: età, sesso, caratteristiche dei sintomi e così via.

Le linee guida dividono il trattamento in base alla forma della malattia:

  • Per i casi di lieve e media entità viene consigliata una terapia a base di retinoidi ad uso topico su comedoni (punti neri e bianchi) lievemente infiammati.

  • Per le infiammazioni più accentuate e visibili viene consigliato l'uso di anti-microbici (benzoile perossido).

I casi più gravi vengono trattati con retinoidi topici e antibiotici da applicare sulle eruzioni della cute.

Il periodo massimo di trattamento, necessario per ottenere i primi risultati si aggira intorno ai tre mesi. Nelle ragazze l’acne si può trattare con l’uso della pillola, mentre nei casi più complessi e recidivi si ricorre ad una sostanza nominata isotretinoina, un farmaco derivato dalla Vitamina A che bisogna assumere per circa otto mesi.

Accanto ai farmaci, un contributo importante per la cura della patologia è dato dall’uso di dermocosmetici: questi prodotti possono coadiuvare l’azione dei medicinali.

Sono creme per il viso con tendenza acneica e regolatrici delle secrezioni di sebo, lozioni per pelle grassa, saponi e detergenti per il viso e anche protezione solare per evitare un ulteriore peggioramento causato dai raggi UV.

Nella nostra farmacia online trovi un’ampia gamma di prodotti dermocosmetici specifici per la il trattamento dell’acne.

Prevenzione

La prevenzione è un passo importante per evitare la comparsa della malattia: per evitare l’infezione è necessario agire su due fronti, l’alimentazione e lo stile di vita.

Inoltre, bisogna considerare che l'acne provoca disturbi a livello sociale e psicologico perché provoca disagio, difficoltà a mostrarsi in pubblico e isolamento. Una delle peggiori conseguenze sono le cicatrici che spesso rimangono per anni e devono essere trattate tramite intervento chirurgico.

Non bisogna dimenticare che per guarire completamente dall’acne è necessario seguire una dieta equilibrata, povera di zuccheri ad alto indice glicemico. Non bisogna esagerare con le restrizioni soprattutto se il soggetto colpito da acne è in età adolescenziale, un periodo fondamentale per il suo sviluppo. Inoltre, recenti studi clinici hanno determinato che l’efficacia della dieta è pari a quella di una normale crema antiacneica.

Una cosa è sicura: l’acne è aggravata dallo stress, dal fumo e dall’abuso di farmaci.

Mentre i raggi solari possono aiutare a combatterla: alcune radiazioni hanno un effetto antinfiammatorio, da non confondere però con le lampade abbronzanti che non portano alcun aiuto.

L'esposizione al sole si esegue dopo aver applicato la crema solare: scopri tutti i prodotti nella nostra farmacia online! 

Un altro alleato è la pulizia del viso, ma anche in questo caso bisogna fare molta attenzione ai prodotti da applicare sulla pelle: devono essere delicati e non aggressivi, in modo da non eliminare lo strato lipidico della cute, necessario per evitare che le infiammazioni si aggravino. Infine è importante non grattare o eliminare le croste per evitare i segni delle cicatrici per tanto tempo. Un ottimo trattamento per la prevenzione del viso dall'acne è Acnet, che puoi acquistare direttamente sul nostro sito!

Sul nostro blog trovi diversi approfondimenti per mantenere in salute la pelle del tuo viso!