Ricerca per settori

Patologie



Ricerca per Marchi

Gengivite

La gengivite è una patologia infiammatoria delle gengive, che se viene trascurata può diventare una parodontite. Questo disturbo si aggrava con il tempo, provocando un rossore delle gengive e sanguinamento, seguito da gonfiore e fastidio. Quali sono le cause e i sintomi di questo problema? Come si può curare efficacemente? Rispondiamo alle domande più frequenti su questo problema di salute.

  1. Di cosa si tratta
  2. Sintomi
  3. Cause
  4. Terapie naturali

Di cosa si tratta

Con il termine gengivite ci si riferisce all'infiammazione delle gengive, un problema che ad uno stadio iniziale può essere facilmente risolto con rimedi naturali, ma che se trascurato può complicarsi causando diversi sintomi tra cui dolore e sanguinamento delle gengive.

Le gengiviti non curate si protraggono per un lungo periodo trasformandosi in patologie del cavo orale come piorrea o parodontite. Per agire per tempo è necessario però verificare quali sono i sintomi.
Infiammazione delle gengive

Sintomi

La gengivite è una patologia che nel primo periodo causa solo piccoli fastidi del cavo orale, ma con il tempo se non viene applicata alcuna terapia si può evolvere in manifestazioni ancora più gravi e dolorose. La forma lieve e iniziale della malattia si manifesta attraverso un rossore delle gengive, che tendono a sanguinare durante la pulizia dei denti.

Il paziente può accusare alitosi che peggiora con il progredire della patologia: questo disturbo è causato dalla permanenza di sangue all'interno del cavo orale. Via via alle gengive sempre più rosse, si aggiunge un gonfiore che provoca fastidio e dolore. Se la patologia viene trascurata aumenta il rischio di piorrea, ovvero della caduta dei denti, perché le gengive diventano via via più fragili e non riescono più a sostenerli.

La gengivite se trascurata può anche aumentare il rischio di diabete, causare problemi al sistema cardiovascolare e ai polmoni dei bambini ed infine può provocare nascite premature nelle donne incinta.

Leggi l'approfondimento del nostro blog: come lavare i denti in modo corretto!

Cause

Quali sono le cause di questo terribile disturbo? Quelle principali riguardano l'accumulo di placca all'estremità dei denti che poi arriva alle gengive.

La placca è definita anche come patina dentaria o placca batterica. Si tratta di uno strato di sostanza opalescente e appiccicosa che si deposita sul colletto dei denti, vicino alle gengive e nello spazio interdentale.

Questa sostanza è terreno fertile per i batteri che attecchiscono e proliferano più facilmente aumentando il rischio di malattie quali carie, gengivite o altre infiammazioni e infezioni del cavo orale. La gengivite è un disturbo comune in diverse categorie di persone:

  • Fumatori
  • Chi beve molto alcool
  • Donne in gravidanza
  • Chi assume antidepressivi e cortisonici.
  • Chi trascura l'igiene dentale.
  • Chi è predisposto geneticamente.

Anche una dieta scorretta, caratterizzata da un ridotto apporto di Vitamine può causare questo problema. Per questo motivo consigliamo l'assunzione, dietro consulto medico, di integratori di Vitamine e Calcio per la protezione dei denti. Quando la gengivite viene trascurata degenera in parodontite, una patologia frequente in giovani e adulti. Il disturbo si manifesta a livello dei primi molari e degli incisivi causando:

  • Ritiro delle gengive, che mostrano così i denti allungati
  • Denti mobili e più lontani del normale.
  • Sensazione di denti che si muovono durante la masticazione.
  • Aumento dello spazio interdentale.
  • Presenza di pus sul colletto.

Terapie naturali

Il primo passo per prevenire la patologia è una igiene orale attenta e scrupolosa, da eseguire dopo ogni pasto. I dentisti suggeriscono di spazzolare i denti per tre volte al giorno e per almeno tre minuti, usando prodotti di qualità.

Nella nostra farmacia online trovi una sezione ricca di prodotti di qualità dedicati all'igiene orale!

Tra i componenti principali dei dentifrici consigliamo l'estratto di Foglie di Neem, una pianta conosciuta in tutto il mondo per l'azione antibatterica che mantiene pulita e protetta la cavità orale.

Esistono anche altri rimedi naturali che possono essere utili per attenuare il gonfiore delle gengive, aiutando a riportare la loro normale colorazione.

Consigliamo, per esempio, di fare degli sciacqui con l'infuso di Camomilla, Melissa e Malva che grazie alle loro proprietà lenitive contribuiscono anche a ridurre il fastidio. Si può combattere il rossore anche con l'aiuto dell'Aloe Vera in succo o in gel.

Si può applicare direttamente sulla gengive o fare dei risciacqui facendo attenzione che una dose di prodotto permanga nel punto interessato. Si può trattare anche con rimedi casalinghi, per esempio strofinando sulle gengive uno spicchio d'aglio, ritenuto uno dei maggiori antibatterici naturali.

Infine, in caso di gengivite è necessario eseguire una pulizia dei denti leggera, senza spazzolare energicamente e scegliere uno spazzolino con le setole morbide in modo da non danneggiare ulteriormente i tessuti gengivali.

Se vuoi conoscere ulteriori informazioni sulla cura di questa patologia, leggi il nostro approfondimento e scopri come curare la gengivite!

Vuoi usare una app per prenderti cura dei tuoi denti?

Te ne consigliamo una: Tutor Ortodontico è la app messa a punto dalla SIDO (Società Italiana di Ortodonzia), un aiuto per prenderti cura del tuo cavo orale e prevenire la gengivite!